7Lenta essiccazione

Uscita dalle nobili trafile al bronzo, le molteplici forme di pasta potevano finalmente rilassarsi per lunghe ore al sole. La pasta lunga poteva tranquillamente stirarsi ed asciugarsi su appositi stendini, mentre le paste più corte e piccole venivano comodamente appoggiate su accoglienti telai in legno e rete a trama sottile. La luce del sole e il soffio del vento pensavano a tutto il resto: una lunga e lenta essiccazione per far sì che la pasta Columbro potesse mantenersi nel tempo, in tutto il suo sapore di grano vero.

Questa tecnica di essiccazione lenta e a bassa temperatura permetteva, allora come oggi, di preservare tutti i valori nutrizionali degli ingredienti: il totale mantenimento delle proteine, degli antiossidanti, delle fibre e degli amminoacidi presenti nelle materie prime, si rivelava fondamentale tanto per una dieta sana quanto per la digeribilità della pasta stessa.

Ad oggi, il Pastificio Columbro impiega le stesse tecniche di essiccazione con eccellenti tecnologie che garantiscono gli stessi risultati di una volta: l’impiego di celle statiche, infatti, consente ai diversi formati di pasta di essiccarsi come se fossero a cielo aperto. Questo piccolo grande segreto dell’arte pastaia firmata Columbro si svela completamente: un’essiccazione che avviene ad una temperatura costante inferiore ai 60 gradi per un tempo di riposo che va oltre le 36 ore.


Scopri tutti i segreti